Category Archives: Fiere

A Bassano l’anteprima del Festival dell’artigianato

Oggi giovedì 23 settembre a Palazzo Sturm l’anteprima del Festival dell’Artigianato arriva a Bassano del Grappa, con il vernissage Artigianato e Designer, mostra dei prototipi realizzati da artigiani e designers nel corso del workshop “AAA CERCASI NUOVO ARTIGIANO”.

All’inaugurazione intervengono con un ragionamento a voce alta Marco Bettiol, Venice International University, Coordinatore del progetto, Sergio Paolin, Presidente artigianato artistico CNA Veneto, Cristiano Seganfreddo Direttore Fuoribiennale. La mostra resterà aperta fino al 26 settembre, negli orari del museo, accompagnata dai Visual tridimensionali di Coffee3D.Si continua con DESIGN WHIT CARE, sempre a Palazzo Sturm, esposizione dei progetti,risultato dei workshop 2010,ideati dagli studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale in design dell’Università Iuav di Venezia; organizzata in collaborazione con il Distretto della Ceramica in collaborazione con CLADIS / IUAV.
Il Festival dell’artigianato col suo carnet fitto di eventi, seminari e mostre previsti prenderà il via venerdì 24 settembre e proseguirà fino a domenica 26 settembre. Una tre giorni di incontri per tracciare i contorni dell’artigiano contemporaneo. Tra design, arte e mani intelligenti: un viaggio emozionante nel saper fare del territorio.
Il Festival dell’artigianato è l’epilogo del progetto AAA Cercasi Nuovo Artigiano, iniziato più di due mesi fa, ma allo stesso tempo punto di partenza di una riflessione che porterà a delineare una nuova concezione di questa figura. AAA Cercasi Nuovo Artigiano, progetto sperimentale di CNA Vicenza ideato e coordinato da Fuoribiennale e VIU-Venice International University, ha coinvolto, a partire dalla scorso 14 luglio, dodici giovani designer tra i migliori talenti internazionali e nove piccole aziende artigiane della provincia di Vicenza in un workshop creativo sotto la guida di CibicWorkshop, centro di ricerca di Cibic&Partners diretto da Aldo Cibic, e di Martino Gamper, designer e docente al Royal College of Art di Londra. Designer e artigiani hanno lavorato assieme per due mesi con l’obiettivo di realizzare nuove idee progettuali e oggetti-prototipi che reinterpretano, in un’accezione contemporanea, materiali tradizionali.

CORART SI INTERROGA SUL FUTURO DELL’ORO

A pochi giorni da VicenzaOro Charm, Corart si riunisce in assemblea per discutere dell’attuale congiuntura negativa per il comparto orafo. Nel corso della parte pubblica verrà presentato il rapporto sull’industria orafa italiana e vicentina, a cura di Paolo Crestanello.

A pochi giorni da VicenzaOro Charm, Corart si riunisce in assemblea per discutere dell’attuale congiuntura negativa per il comparto orafo. Il consorzio, che unisce 30 aziende del distretto orafo argentiero, aprirà alla parte pubblica con una tavola rotonda dal titolo Ricominciano dai nostri valori, giovedì 14 maggio a partire dalle 18, nella sede di CNA Vicenza (via Giuseppe Zampieri 19).

In occasione del confronto verrà presentato il libro “L’industria orafa italiana: problemi e Sfide Competitive” frutto della ricerca condotta nell’ambito del distretto orafo ed argentiero di Vicenza da Paolo Crestanello di CREI (Centro ricerche Economiche e sociali) e docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Intervengono, oltre all’autore, Marco Bettiol, ricercatore di Economia e Gestione delle imprese al Ca’Foscari di Venezia e Gabriella Centomo, Presidente di CORART Vicenza. Introduce e coordina Luca Romano, LAN – Local Area Network.

L’incontro sarà l’occasione per discutere sulle ipotesi di lavoro che il consorzio potrà intraprendere a favore del settore.

C.OR.ART. dal 1989 insieme alle imprese orafe

Nato nel 1989 quando alcune imprese associate a CNA di Vicenza hanno costituito il primo nucleo di lavoro e dato vita al consorzio, CORART ha realizzato negli anni diverse iniziative per promuovere l’attività delle imprese socie sia nel mercato nazionale, che nei più grandi mercati esteri.

CORART è presieduta da Gabriella Centomo, è una società consortile a responsabilità limitata (S.C.a R.L.) che associa 30 piccole e medie imprese orafe ed argentiere del distretto orafo di Vicenza. CORART realizza azioni di comunicazioni a sostegno del settore e del gruppo di imprese, la partecipazione alle maggiori fiere orafe. Inoltre è impegnata nella realizzazione di eventi e di missioni di esplorazione nei mercati di sbocco.

Per maggiori info:

www.corart.it

www.charmevent.it


LE STANZE DI ARTÒ: UN PERCORSO PER CONOSCERE IL MEGLIO DELL’ARTIGIANATO ITALIANO

Quattro stanze tematiche suddivise per offerta merceologica e caratterizzate da una specifica gamma di colori. Così si presenta la seconda edizione di ARTÒSalone delle attività artigiane, al Lingotto Fiere di Torino dal 28 al 31 maggio.

La manifestazione è organizzata da Lingotto Fiere-gruppo GL events Italia con la collaborazione di Regione Piemonte e Unioncamere Piemonte e il supporto delle sezioni piemontesi di Confartigianato, CNA e CasArtigiani.

Stanza 1: Prospettive
Il percorso si snoda a partire dal Padiglione 1, con la Stanza dedicata alle Prospettive dell’artigianato, quello che guarda all’innovazione, alla ricerca applicata al prodotto. Qui materiali e tecniche tradizionali vengono riletti in chiave attuale, come nel caso delle vetrate a lavorazione tiffany, reinterpretate con un disegno modernissimo. Ma c’è anche posto per arredi e sculture in plexiglass e materie plastiche o per bracciali e collane che utilizzano materiali inusuali, quali pietre e gomma.

Stanza 2: Tradizione
Dopo aver dato uno sguardo al contemporaneo, basta un passo per ritrovarsi nel passato, alle radici della cultura storica, estetica e materiale del nostro artigianato. Ecco, quindi, la Stanza della Tradizione, dove troviamo esempi pregevoli di intaglio del legno, lavorazione del ferro battuto, tappezzerie e tessuti per arredamento o il restauro di strumenti musicali.

Stanza 3: Luoghi
Spostandosi nel Padiglione 2, nella terza Stanza si pone l’attenzione sui Luoghi: qui l’artigianato si fa espressione unica ed esclusiva di un territorio specifico. Spazio, quindi, alle collettive regionali e ai consorzi che contribuiscono al recupero dell’identità storica dell’artigianato delle diverse zone del nostro Paese.

Stanza 4: Sapori
E infine, ecco il gusto dell’artigianato: la Stanza dedicata ai Sapori, con una selezione di aziende artigianali produttrici del settore alimentare, espressione della varietà e della tipicità territoriale italiane. Birre artigianali e focacce genovesi, formaggi, salumi, vini e liquori, gelati e granite sono solo alcune delle prelibatezze esposte, tra degustazioni e curiosità. In questa zona, inoltre, verrà allestita un’area ristorazione dove i visitatori avranno l’opportunità di spaziare dalle ricette andine ai risotti vercellesi.

L’ingresso ad ARTÒ è gratuito e tutti gli oggetti e prodotti in esposizione possono essere acquistati direttamente.


L’ARTIGIANATO DALLA A ALLA ZETA

Quest’anno il ‘fatto a mano’ fa tendenza e l’ handmade è un po’ l’ultima mania dei modaioli. Nella delicata congiuntura economica che stiamo vivendo  si fa sempre più strada la ricerca di tutto quello che è ben fatto, con un occhio di riguardo per quelle opere di esperti artigiani in grado di garantire, come un tempo, durata e qualità. E mentre pullulano in libreria saggi sulle virtù del lavoro manuale scritti da illustri studiosi e sociologi italiani e stranieri, sempre più attuale e calzante è la celebre affermazione di Emanuel Kant” La mano è la finestra della mente”.

A chi voglia lasciarsi trasportare dal fascino intramontabile e dalla seduzione del ‘fatto a mano’, l’appuntamento è dal 25 Aprile al 3 Maggio 2009 alla Fortezza da Basso di Firenze con ART – la Mostra Mercato Internazionale dell’Artigianato, giunta alla 73^ edizione, promossa e organizzata da Firenze Fiera in collaborazione con Artex e le principali associazioni di categoria.

La mostra, evento primaverile consolidato per un vasto pubblico di fedelissimi e appassionati, sarà aperta tutti i giorni dalle ore 10,00 alle ore 23,00 (ultimo giorno: chiusura alle ore 20,00). Biglietto d’ingresso: 5 euro – Ridotto: 4 euro.

La Francia con tutte le sue specialità e tradizioni sarà il paese ospite, con artigiani d’arte, creatori di moda e bijoux e gioielli, produttori di ‘fois gras’ e champagne, insieme al ‘pluridecorato’ sapone di Marsiglia presentato in tutte le sue forme e fragranze, accessori d’arredo e molto altro.

Tra gli eventi collaterali promossi da Regione Toscana, Toscana Promozione e realizzati da Artex la presenza speciale di “talenti” francesi, quella piemontese, la Galleria dell’Artigianato e infine Visioni.

Nei giorni della Mostra dell’Artigianato, la “boutique” parigina Talents, progettata da Atelier d’Art de France nel 2008, avrà uno spazio esclusivo a Firenze. In vetrina i nuovi talenti nei mestieri d’arte francesi, da ceramisti a artigiani del vetro soffiato, da scultori a mosaicisti, da stilisti a ebanisti. L’ospite italiano dell’edizione 2009 è il Piemonte con le sue migliori produzioni, dando piena visibilità al territorio, promuovendo ed esaltandone le potenzialità produttive con la partecipazione di 40 imprese di variegati settori.

L’eccellenza e l’unicità sono concentrate nella Galleria dell’Artigianato collocata nelle suggestive Sale dell’Arco e della Volta, suddivisa in due sezioni: La Tradizione dell’Artigianato e Esperienze di Ricerca. Oggetti esclusivi, pezzi unici o in serie limitata che rappresentano il meglio della creatività artigianale del “made in Tuscany”. Oltre 100 pezzi unici firmati da artisti – artigiani – designers che rispondono ad un desiderio d’esclusività all’insegna di un “nuovo lusso” fatto di qualità e ricerca.

Visioni è il padiglione in cui scoprire contesti “giovani”, spesso di piccole dimensioni che fanno della ricerca, dell’innovazione e dell’artigianalità il loro punto di forza. Di notevole impatto l’allestimento curato in modo da rendere il tutto armonico e particolarmente affascinante.

Fra le tante novità in programma, R-(H)EART – Artisti e artigiani trasformano la materia, un’area innovativa allestita nella Sala della Ronda, più di 900 metriquadrati di colori, suoni, forme e profumi dove mani esperte di maestri d’arte ed estrosi creativi, utilizzando materiali della tradizione e d’avanguardia, amalgamati, scomposti e lavorati ‘ad arte’, daranno vita a oggetti sapientemente lavorati, dove ogni singolo pezzo diventerà un piccolo capolavoro. 70 gli espositori, fra giovani con il ‘sano’ pallino di un futuro migliore ed ecosostenibile, ed artigiani con tanti anni d’esperienza alle spalle, che porteranno in mostra il frutto dei loro lavori che affondano le radici nella storia delle arti e dei mestieri, da sempre espressione viva dell’eccellenza di Firenze nel mondo. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Firenze Indelebile.

E se il legame fra Firenze e il suo territorio sarà rappresentato dall’arte dei ‘ferri taglienti’ con la partecipazione dei coltellinai di Scarperia, gli appassionati del verde potranno tuffarsi in Verde d’ARTista, un’area (la Fureria) interamente dedicata all’imprenditoria artigianale del verde e dell’ambiente, con spazi espositivi dedicati alla produzione, gestione e cura del verde privato e pubblico. Cuore e anima dell’iniziativa Alessandra Novelli, che da anni è impegnata nella gestione di parchi privati e nella riqualificazione di intere aree verdi pubbliche. Partner del progetto, l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Firenze presente con un proprio stand dedicato ai vari allestimenti del verde. Occhi puntati sulla simulazione della ‘spiaggia di Firenze’, che con più di 10.000 metri quadri di verde attrezzato lungo l’argine del fiume sotto Piazza Poggi, ricreerà una vera e propria ‘Rive Gauche’ fiorentina in riva d’Arno.

Acquisterà il sapore e il fascino delle cose di un tempo la presentazione dei “camicioni da notte del nonno e della nonna” ispirati a quelli ritrovati negli armadi del “Guardaroba Storico” di Montedomini che verranno esposti insieme ad un’originale linea di abbigliamento e accessori griffati “Montedomini 1476” nel rispetto della tradizione fiorentina: giacche da camera, vestaglie, boxer, simpatiche pochette da taschino, accappatoi, asciugamani, ma anche occhiali, profumi, saponette, confetture, mieli speciali, il tutto per … veri intenditori! Il ricavato della vendita sarà interamente devoluto ai progetti di supporto agli anziani della Fondazione Montedomini.

Le dimostrazioni dal vivo delle lavorazioni dei maestri artigiani fiorentini, nell’iniziativa “Botteghe d’Art” alla Palazzina Lorenese, realizzata da Fondazione di Firenze per l’Artigianato Artistico, con la collaborazione di CNA e Confartigianato e il sostegno di Camera di Commercio di Firenze, avranno quest’anno la novità della presenza di tre imprese dell’artigianato artistico della Francia, realizzando un connubio tra due realtà che fin dal passato hanno fatto del “saper fare” il loro fiore all’occhiello.

Alla Sala delle Grotte andrà in scena La Bottega di Leonardo, a cura di CNA Firenze, preview della grande mostra sul genio leonardesco, in programma nell’ottobre prossimo a Melburne: in mostra alcuni modelli di artigiani fiorentini delle macchine, degli studi anatomici e dei dipinti del grande maestro rinascimentale.

Tanti infine gli ospiti che animeranno i nove giorni di mostra, come Claudio Menconi, toscano ‘doc’, un vero e proprio maestro nel trasformare il cibo in opera d’arte, vero mattatore di tante trasmissioni di Uno Mattina e della Prova del Cuoco, in onda sulle reti RAI. Domenica 26, nel pomeriggio, mostrerà al pubblico come rendere una fragola, un cocomero, ma anche una zucchina o un peperone …. una vera e propria opera d’arte!

Questa edizione è caratterizzata da una grande novità tecnologica: Art in web tv. Art 09 in diretta sul sito: www.artex.firenze.it  e www.fondazioneartigianato.it . Artex e la Fondazione di Firenze per l’Artigianato Artistico porteranno on line: artigiani, lavorazioni, trucchi del mestiere, sia dell’artigianato tradizionale che di ricerca, spaziando dal legno alla ceramica, dal raku alla scagliola, toccando anche realtà gastronomiche vicine e lontane.