Casa mobile, e appaghi la voglia di libertà

A chi non è mai venuta voglia di fuggire in qualche luogo da sogno, lontano da tutti e da tutto? Una voglia di libertà che può essere appagata solo se si vive a stretto contatto con il luogo in cui ci si trova, che sia il mare o una grande città o un piccolo borgo di campagna. Ma al di là della voglia di fuga dalla routine quotidiana, c’è anche la voglia di una vacanza, la voglia di staccare appunto da quotidiano e di immergersi nel relax che, però, solo la propria casa riesce a dare. O forse non è proprio così.

Lo sa bene chi ha già optato da tempo per una delle tante case mobili. Si tratta di una casa, oggigiorno, anche ecologica, che rispetta l’ambiente e che da la possibilità di godere di tutte le comodità della propria abitazione in qualsiasi punto del pianeta. Immagina che meraviglia poter viaggiare ovunque senza dover lasciare le cose indispensabili per non portarsi troppo bagaglio dietro. In realtà si tratta dello stesso concetto della roulotte o dei camper, ma oggi arricchito di nuove concezioni che permettono di non arrecare danno all’ambiente e per materiali utilizzati e sul luogo dove si decide soggiornare.

Così è la roulotte in legno di soli 4 metri quadrati di Brian e Katrina Manzo, una delle case mobili più belle al mondo. All’interno è organizzata di tutto punto, tanto che la coppia di giovani proprietari sta progettando la possibilità di portare questo prototipo verso una produzione industriale. Singolare anche la casa mobile realizzata dal paesaggista James Lawler che l’ha realizzata praticamente da solo e con un budget di 150 dollari e una sola settimana di lavoro.

Attenzione però se decidi di partire alla scoperta del mondo con una di queste case è bene che ti informi prima della partenza perché esiste una normativa che ne regolamenta l’utilizzo, meglio evitare di incorrere in sanzioni.

Comments

comments