Il Porfido del Trentino

La natura in azione

Il paesaggio trentino è ricco di caratteristiche fisiche e geologiche uniche. Il porfido è una pietra forte e resistente, dalle diverse sfumature di colore che lo rendono adatto all’utilizzo in esterni e in interni abitativi rustici.  Il porfido Trentino viene estratto in una zona che comprende sei comuni in provincia di Trento: Albiano, Cembra, Pinè, Lona-Lases, Fornace e la stessa Trento. Le Dolomiti erano terra vulcanica, Bolzano è collocata in una grande caldera! Il porfido è di origine magmatica effusiva, caratterizzato da cristalli di querzo e feldpati di diverse forme: la presenza di ematite dona la colorazione rosata che spicca tra le molteplici tonalità di grigio.

 

Forte come una montagna

Il porfido trentino appartiene alla famiglia delle rocce ignimbriche atesine e ne ha ereditato le caratteristiche fisico-meccaniche che lo rendono unico nel suo genere: resistente al calore e al clima più rigido, è stato sottoposto al test di resistenza costituito da 48 cicli di gelo e disgelo, previsto dalla norma europea di resistenza al gelo UNI EN 12371. Grazie alla presenza di silice, resiste anche agli acidi: il porfido è un materiale naturale robusto e inattaccabile che resiste alle intemperie e all’usura dovuta a sollecitazione meccanica. Versatile ed eclettico, il porfido è rustico ed elegante insieme, se è lavorato con la perizia di posatori esperti. L’arte della lavorazione del porfido si è evoluta con l’utilizzo di nuovi strumenti e attrezzi idonei.

 

Carattere e design

La lavorazione del porfido dipende dall’uso a cui è destinato: sottoposto a fiammatura, assume un aspetto poroso, è antiscivolo e adatto agli esterni. La rifinitura bocciardata, ottenuta con strumenti a punta di diamante, rende il porfido ruvido, antiscivolo e ideale per pavimentazioni e rivestimenti. La lucidatura e la sabbiatura ne levigano la superficie che diventa brillante e luminosa. Una pavimentazione in porfido, realizzata a mosaico, a cubetti (o sanpietrini) e a piastrelle spazzolate è un fiorire di sfumature che vanno dal grigio, al violaceo e al ruggine. I rivestimenti, la realizzazione di gradini e davanzali, di soglie d’accesso e cortili, di zoccolini e battiscopa, di pozzi e fioriere sono alcuni degli esempi della grande versatilità del porfido. La rustica raffinatezza e la varietà cromatica del porfido, sono i doni che la natura ha fatto al territorio trentino.

 

Comments

comments